Castell’Umberto, il paese che non può essere razzista

Mentre alcuni sindaci cercano i riflettori mediatici facendo capolino davanti all’albergo dove sono ospitati 50 migranti che seguono lo show da finestre e balconi, a Castell’Umberto, piccolo centro di 3 mila anime, la gente comincia a stufarsi. Molti non ci stanno a passare come un popolo razzista. Quelle immagini che hanno fatto il giro del web delle auto messe di traverso su ordine del sindaco Enzo Lionetto Civa per impedire il transito del gruppo elettrogeno che doveva portare l’elettricità nell’hotel, … Continua

L’articolo Castell’Umberto, il paese che non può essere razzista è stato pubblicato su il manifesto.

Fonte: Il Manifesto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...