La fenomenologia del potere dolce iraniano

«Il potere è rappresentato dall’abilità di influenzare gli altri per ottenere i risultati che vogliamo. Lo si può esercitare attraverso due canali: coercizione o pagamento – quello che chiamo hard power – oppure attraverso l’attrazione, il soft power». Le parole sono del politologo americano Joseph Nye. Il concetto è il seguente: sedurre. L’obiettivo si raggiunge secondo questo schema: richiamare, suscitare interesse, attrarre a sé. Gli ingranaggi della grande macchina del soft power sono partnership strategiche, progetti comuni, cooperazione finanziaria. E … Continua

L’articolo La fenomenologia del potere dolce iraniano è stato pubblicato su il manifesto.

Fonte: Il Manifesto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...